Il dono delle emozionanti immagini di Angelo Fassina

associazione AFIFF

 

Siamo lieti di ringraziare Angelo Fassina per averci fatto dono della sua capacità di inabissarsi nel profondo dell’esistenza imana; si è lasciato condurre da pensieri ed emozioni ed ha saputo magistralmente tradurli nelle sette opere poste ad impreziosire la prima pagina del nostro sito.
Opere che bene esprimono la nostra realtà e ci permettono di accogliere degnamente chi viene a far visita.

Angelo Fassina nasce a Piombino Dese nel 1925 dove risiede tutt’ora. Dopo la formazione accademica veneziana, dove ebbe come Maestri Pizzinato, Breddo e Saetti, si dedicò all’insegnamento che gli diede occasione di sperimentare materiali e nuove tecniche di espressione. Nel travaglio artistico del dopo guerra le sue prime opere furono di dialogo convinto con i contemporanei, senza nascondere le sue simpatie per Sironi, Martini, Morlotti, Carrà, Moranti, Congdon e l’espressionismo tedesco. La sua vocazione alla contemporaneità non gli ha impedito tuttavia di studiare con passione i grandi maestri del passato, in particolare Cimabue, Giotto, Piero della Francesca e Masaccio. Nell’ultimo ventennio ha prediletto i temi religiosi che tratta nell’affresco e nelle vetrate per cui è un artista particolarmente apprezzato.